Viaggio Nepal
Viaggio Nepal
Viaggio Nepal

Durbar Square a Patan

Patan è infatti una grande città con monumenti imponenti e meravigliosi templi che meritano un’attenzione particolare. Quindi a metà mattinata attraversai per l’ennesima volta il Bagmati a sud di Kathmandu fermandomi dopo pochi chilometri di tragitto nei pressi della Durbar Square.

La piazza è gigantesca: da una terrazza panoramica posta sul tetto di un edificio all’altro lato della strada principale si possono vedere, tutti insieme, i numerosi templi ed edifici newari che la rendono forse la piazza più straordinaria di tutto il Nepal. Si capisce subito perché gli abitanti la chiamano ancora con il suo vecchio nome di Lalitpur (Città della Bellezza): Patan è stata una prospera città stato che fu annessa al regno dei Malla intorno alla fine del 1500. Da quel momento in poi vennero edificati una moltitudine di magnifici templi che le permisero di gareggiare in bellezza con le altre due città imperiali della Valle, Kathmandu e Bhaktapur.

E così mi spiegò i vari tipi di architetture presenti a Durbar Square (e in moltissime altre città nepalesi): i templi in stile indiano, molto elaborati e con la sommità che si stringe come una specie di “pannocchia”, i templi a pagoda in stile cinese e gli edifici newari tipicamente nepalesi sulle cui facciate si trovano numerose finestre e balconi coperti, tutti di legno intarsiato.

Sul lato nord della piazza ci sedemmo proprio di fronte al Tempio di Vishwanath per osservare le due grandi statue di elefanti poste all’ingresso. il via vai delle persone che prelevavano l’acqua da una delle vasche pubbliche lì presenti (“non bere… a te farebbe male”).